Abusi sessuali e satanici sui bambini. E’ sufficiente confessarsi?

satanic

Il comitato Onu per la tutela  dei diritti sui  minori ha condannato il Vaticano per il suo atteggiamento nei confronti della pedofilia volto a proteggere i preti e minimizzare l’impatto sulle vittime.

Guardiamo un po’ cosa ha scritto  (vedi  traduzione ) di recente Allen Frances famoso psichiatra americano chairmann del DSM4. Ciò che viene alla luce  è un’immagine della psichiatria terrificante che di fatto ai suoi massimi livelli è stata complice dell’abuso sui bambini. Il polverone sui falsi abusi serve ovviamente a mascherare la realtà di quelli veri che si  perpetrano sotto gli occhi di tutti. Allen Frances “confessa” un suo errore e sfrutta l’interesse mediatico che l’ esternazione determina. Si rifà in un certo senso una verginità. Non so se lo psichiatra americano professi una qualche fede religiosa : di fatto la sua è una mentalità del tutto simile a quella dei cattolici. Prima si condanna Galileo per eresia e lo si instrada pericolosamente verso il rogo e poi magari 500 anni dopo si chiede scusa.

Gli psichiatri che adottano pedissequamente il DSM-4 o 5 pensino bene a quello che fanno perché volenti o nolenti diventano complici di una mistificazione ideologica di proporzioni gigantesche che può provocare danni enormi sui pazienti.

Naturalmente si confessa il peccato minore e si occultano così responsabilità più gravi

C’è da considerare infatti  :

<< Dieci anni fa il Dsm-4 (Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali) ha declassato la pedofilia da “malattia” a “disordine”. Ma nel nuovo testo, il DSM5 pubblicato quest’anno, l’Apa fa un passo ulteriore come denuncia l’Afa (Associazione famiglie americane): «Come l’Apa dichiarò negli anni Settanta che l’omosessualità era un orientamento sotto la forte pressione degli attivisti omosessuali, così ora sotto la pressione degli attivisti pedofili ha dichiarato che il desiderio sessuale verso i bambini è un orientamento». L’Apa distingue tra pedofilia e atto pedofilo: se il desiderio sessuale nei confronti dei bambini è un orientamento come gli altri, l’atto sessuale viene considerato “disordinato” per le conseguenze che ha sui bambini.

«SOFFERENZE MODERATE». Già nel Dsm-4 si considerava “disordine mentale” quello di una persona che molestava un bambino, se la sua azione «causa sofferenze clinicamente significative o disagi nelle aree sociali, occupazionali o in altri importanti campi». E già nel 1998 sul Bollettino di Psicologia era stato pubblicato uno studio per dimostrare che gli abusi verso i bambini non causano danni così gravi. Gli autori (Bruce Rand della Temple University, Philip Tromovitch dell’Università della Pennsylvania e Robert Bauserman dell’Università del Michigan) avevano ridefinito l’«abuso sessuale sui bambini», affermando che «le esperienze sofferte da bambini, sia maschi sia femmine, che hanno subito abusi sessuali sembrano abbastanza moderate».

http://www.tempi.it/pedofilia-50-anni-fa-era-una-malattia-da-questo-anno-per-gli-psicologi-americani-e-un-orientamento-sessuale#.UvifCf1-Rc9 

Come viene corretto questo errore?

<<The phrase “sexual orientation” was used erroneously in the discussion section about pedophilia in the recently released fifth edition of the Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (DSM-5).

In a press release, the American Psychiatric Association (APA) notes that the correct terminology is “sexual interest” and that it will correct the error in the manual’s electronic version and in the next print edition>>

Non “orientamento” ma “interesse”. Il rimedio è peggiore del male.

Luigi Cancrini distingue poi fra il peccato ed il peccatore. Disturbo, orientamento, malattia o peccato? Altro pericoloso polverone. I pedofili soffrono di una forma di psicosi non dimentichiamolo.

1743473_10203108141215520_533860369_n

l’Unità 10.2.14
La pedofilia è una malattia. Non dimentichiamolo
risponde Luigi Cancrini

Psichiatra e psicoterapeuta
<< La Chiesa cattolica romana è un’istituzione gerarchica di tipo rigidamente piramidale e il Papa ne ha potestà piena, assoluta e universale. Allora, se davvero ha a cuore le sorti delle decine di migliaia bambini abusati dai preti, Francesco dovrebbe scomunicare i suoi chierici «latae sententiae» e consegnarli alle autorità civili perché subiscano le giuste pene. Davide Romano
Non credo che il Papa sia disponibile a una richiesta del genere che io stesso non condivo affatto. Checché se ne pensi, infatti, la pedofilia è un disturbo psichiatrico e dunque una malattia (o, se volete una sventura) caratterizzato, secondo il DSM (Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders) IV da «fantasie, impulsi sessuali, o comportamenti ricorrenti, e intensamente eccitanti sessualmente, che comportano attività sessuale con uno o più bambini prepuberi (generalmente di 13 anni o più piccoli)» che vanno avanti per almeno 6 mesi e che compromettono in modo sempre significativo, e spesso drammatico, l’equilibrio personale di chi ne soffre. Legata in molti casi a traumi infantili non elaborati dal soggetto, questa psicopatologia viene «coperta» spesso, nella pubertà e negli anni subito successivi, da difese inconsce che tendono a tenere lontano dalla coscienza, con più o meno avvertita fatica, l’intera area della sessualità. Il celibato e la religione offrono spesso, a queste persone, una possibilità di sbocco ragionevole e socialmente accettata per il controllo di tendenze che possono riaffiorare, tuttavia, in momenti diversi della vita. Rispondere a tutto questo con una scomunica sarebbe contro il Vangelo e contro il buonsenso. Distinguere il peccato (che va condannato con decisione) dal peccatore (che va curato) è fondamentale, infatti, per chi nel Vangelo e nel buonsenso crede. Anche nella tristezza di situazioni come queste.>>

Cancrini interpreta la pedofilia come una situazione di conflitto intrapsichico  fra inconscio perverso e coscienza. Naturalmente la questione non è così semplice perché nelle parafilie è presente un disturbo delirante che rimane circoscritto alla sfera della “sessualità”: si attribuisce un significato “sessuale” a situazioni che di per sé non lo hanno. Come si fa a provare un eccitamento nei confronti di un bambino prepubere  senza ritenere  che la realtà di quest’ultimo venga percepita in un maniera assolutamente distorta per non dire  abnorme?  Siamo di fronte quindi ad un disturbo del pensiero, ad una profonda alterazione della coscienza di significato e non ad un semplice conflitto  intrapsichico fra l’inconscio rimosso e la coscienza.

 Cosa afferma l’APA? (American pscyhciatric Association?

<<Characteristics of Paraphilic Disorders

Most people with atypical sexual interests do not have a mental disorder. To be diagnosed with a para- philic disorder, DSM-5 requires that people with these interests:

  • feel personal distress about their interest, not merely distress resulting from society’s disapproval;or
  • have a sexual desire or behavior that involves another person’s psychological distress, injury, ordeath, or a desire for sexual behaviors involving unwilling persons or persons unable to give legal consent.To further define the line between an atypical sexual interest and disorder, the Work Group revised the names of these disorders to differentiate between the behavior itself and the disorder stemming from that behavior (i.e., Sexual Masochism in DSM-IV will be titled Sexual Masochism Disorder in DSM-5).It is a subtle but crucial difference that makes it possible for an individual to engage in consensual atypical sexual behavior without inappropriately being labeled with a mental disorder. With this revision, DSM-5 clearly distinguishes between atypical sexual interests and mental disorders involving these desires or behaviors. >>
  •  Per il DSM5 Si possono avere rapporti sessuali atipici consensuali senza essere etichettati come malati.
  • Lo sapeva Luigi  Cancrini? Come la mettiamo poi con il fatto che ci può essere un peccato senza l’azione peccaminosa?

Schermata 02-2456698 alle 14.24.30

Sono stato così esplicito  nel mettere in guardia contro i  pericoli del DSM 5 in parte perché mi vergogno del mio silenzio di fronte a un errore  precedente, basato anch’esso sul dare credito ad  affermazioni inconsistenti. L’episodio è ricordato in un meraviglioso pezzo di Richard Noll che rievoca   con molta incisività  la storia . Il periodo è  20 e 25 anni fa . Retrospettivamente mi indigno quando viene riportata alla nostra attenzione   l’improvvisa epidemia di azioni penali  a carico di lavoratori diurni in centri per l’infanzia. Essi erano accusati  di  un presunto abuso rituale, satanico e sessuale, a carico dei bambini dei quali  si occupavano. Ciò avveniva in tutti  gli Stati Uniti – questa è stata una mania nazionale che ha concentrato i  sospetti su più di 100 asili nido . Le vittime erano lavoratori diurni completamente innocenti che sono stati incriminati e spesso condannati per accuse ridicole che non potevano  avere alcun fondamento nella realtà . Molti sono stati  messi sotto pressione , minacciati e / o torturati e costretti a false confessioni , e alcuni, sotto grande coercizione , sono stati indotti  a fare false accuse che hanno coivolto presunti  collaboratori. Decine sono stati sottoposti a pene detentive , e alcuni sono ancora in carcere – un’ingiustizia di proporzioni sconvolgenti .de

 Gli accusatori iniziali erano di solito i genitori mentalmente squilibrati in preda  a fantasticherie  strane o deliri  o entrambi. Coloro che in prima istanza  abboccavano erano detective della polizia creduloni che diffondevano il panico da famiglia a famiglia . Sono intervenuti  poi procuratori ambiziosi che hanno utilizzato i casi per  farsi un nome  ( uno è diventato procuratore generale degli Stati Uniti , un altro governatore della Carolina del Nord ) . Sono stati coinvolti un gran numero di  terapeuti “esperti” imperdonabili,  con le loro bambole anatomicamente corrette ed i loro suggerimenti di violenze subite . I bambini sono stati sedotti e picchiati per avere conferma  di storie selvagge  e di esperienze orribili , ma assolutamente non plausibili , sessuali e / o sataniche . I genitori , la polizia, i pubblici ministeri e terapisti che teoricamente erano lì per proteggere i bambini dagli abusi , invece divenivano loro aguzzini .

Le accuse erano una farsa, ma l’impatto sulle persone coinvolte era  una tragedia. Non c’era un solo straccio di prova concreta  che uno dei reati fosse mai accaduto E ‘stata una moderna caccia alle streghe, paragonabile  ai processi di Salem che si verificano 300 anni prima , o all’Inquisizione spagnola  di 400 anni fa . Nel frattempo , l’uomo moderno sembra che sia evoluto sul piano della conoscenza , ma è ancora capace di pensare in modo “ primitivo”  e di  concertare “azioni crudeli” .

Sono stato  in silenzio  ed in disparte , osservando tutte queste sciocchezze disgustato dalla vile polemica cui assistevo  . Come presidente della IV Task Force DSM , avrei  avuto un ‘opportunità pubblica per  sottolineare il caos totale che certe mode determinano. Invece , ho giustificato mia passività sulla base del fatto che non poteva essere   quello l’obiettivo di  una mia  lotta: farsi coinvolgere avrebbe potuto compromettere la mia neutralità  come chairman del DSM IV .

Queste ultime, da me addotte,   non erano scuse plausibili  visto che persone innocenti stavano andando in galera e bambini venivano  traumatizzati da terapisti falsi che professavano di essere esperti in traumi infantili . Le priorità che mi hanno indotto alla passività  hanno incentivato il caos generale.

Chi pensa  che sia improbabile che qualcosa di così stupido e distruttivo possa  mai accadere di nuovo deve solo fare una ricerca  google  su ” abuso rituale satanico “. Troverete una vasta gamma di suggerimenti  ad opera di persone  pronte ad attirare i creduloni in un nuovo round di  caccia alle streghe . E non c’è carenza di persone ingenue – un recente sondaggio indica che la maggioranza degli americani crede ancora nella possessione demoniaca . Le percentuali sarebbero ancora più elevate in molte parti del mondo che sono anche meno sviluppate di noi.

Se non ricordiamo questo disastro e impariamo  dai suoi insegnamenti , ci sono probabilità di ripeterlo – forse in un prossimo futuro .

(libera traduzione dallo slang americano di domenico fargnoli)

Un pensiero su “Abusi sessuali e satanici sui bambini. E’ sufficiente confessarsi?

  1. Vero, la “confessione” di Allen Frances è un’operazione sottile e bastarda, impedisce la possibilità di una riflessione “pulita” sul fenomeno della “caccia ai pedofili” (e, più in profondità, sulle radici culturali della psicosi pedofila) attraverso la falsità di un pensiero che denuncia se stesso solo al fine di riconfermare la propria integrità. Ed è anche vero che il problema con Frances non consiste solo nella strumentalizzazione, di fatto perversa, di un tipo di giudizio moralistico e cattolico (“mi dichiaro colpevole perciò sono innocente”) ma negli effetti devastanti – a livello del pensiero psichiatrico – che può avere sull’intera comunità dei pazienti. Spostare l’allarme sul fenomeno della “caccia ai pedofili”, senza necessariamente riconnetterlo alle radici culturali, sociali – e finanche psichiatriche – del problema della pedofilia, diventa un modo come un altro ( neanche poi tanto sottile) di minimizzare e di “negare” la stessa pedofilia (oltre al fatto che in questo modo Frances getta su di sè le luci traversali, ma non per questo meno potenti, del mettersi in “controtendenza”). Come è possibile perdere la sensibilità fino a questo punto? Com’è possibile passare la vita in rapporto alla sofferenza e alla malattia di uno, dieci, cento pazienti e perderne la percezione? E’ davvero possibile che tra tutti gli psichiatri non ci sia nessuno che avverta fino in fondo la potenza di queste negazioni? E’ davvero possibile che non ci sia nessuno che l’avverta e che sia disposto/a a denunciarla, a ribellarsi?
    Grazie per aver sollecitato in me questi pensieri.
    Alessandra

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...