Dal dipinto all’immagine, arti visive

Alogon            

Inviato il: 13 Sep 2007, 01:09 PM

Nel settore novità ci sono nuovi video-

Buona visione e discussione

copyright domenico fargnoli

 

 

aissa            

Inviato il: 23 Sep 2007, 01:55 PM

E dunque tre video.. Mi secca molto dover ammettere ancora una volta la mia difficoltà difronte alla creatività di qualcuno. Però questa è al verità, e la verità adesso è l’unica cosa che mi importa. Potrei quindi dire che non ho capito i contenuti, e forse è anche un po’ vero. certo quello che più mi è piaciuto è “arti visive”, con quei volti di donna che piano piano si svelano. “Waste” è quello più sentito, forse per questa idea di riscattare da un destino di abbandono ciò che sembra ormai inutile, trasformandolo in una nuova possibilità. Quello che forse mi è più difficile seguire è “Dal dipinto all’immagine”, con quella sua continua…non so nemmeno come chiamarla.. amplificazione del colore…Ma dal momento che è, appunto , la verità quella che mi importa, credo che tutta la mia difficoltà sia legata al fatto di non voler riconoscere l’essere umano che sta dietro a questi lavori. Non riesco a prendere rapporto con l’idea cha questo è il frutto di un lavoro di esseri umani che ci hanno investito tempo, ricerca ed esperienza, affetti soprattutto. Con il”fatto” materiale davvero credo che uno sforzo in più mi basterebbe per capire, la mia stupidità è fatta di altro. E’ il non voler accettare che un essere umano possa davvero avere vitalità fino al punto di essere creativo. e in questa non accettazione si lega anche il negare, all’altro e soprattutto a me stessa, la possibilità di un rapporto uomo donna che definisca l’immagine, e consenta l’atto creativo e la realizzazione. Penso che questo sia il grande scontro, il tema centrale di anni di ricerca, cioè riuscire finalmente a riconoscere che l’atro è, senza dover svuotare di contenuto umano tutte le cose belle, perchè è l’unico modo conosciuto di prendervi rapporto. Questa credo sia la verità, almeno per come io vivo queste realizzazioni altrui, ma so anche che cimentarsi in un rapporto dove l’altro è capace di essere creativo, e quindi affettivo, è l’unico modo per affrontare il problema. Perchè poi l’affettività dell’altro sia capace di mettere in crisi fino a questo punto io non so spiegarlo….

عائشةAisha

 

 

Alogon            

Inviato il: 24 Sep 2007, 10:49 AM

Grazie per gli apprezzamenti.Spero solo di essere all’altezza di tutti gli importanti appuntamenti che mi attendono

 

Installazione video al teatro Florida dal 27 09

Mostra e videoinstallazioni alla Biblioteca Nazionale di Firenze dal 27 10

Performance con il coregrafo Ferrone Al Festival della creatività Fortezza da basso il 28 10

Spettacoli teatrali al teatro Florida i primi di Novembre

 

Ho il sospetto che la qualità dei video inseriti sia, per ragioni tecniche molto lontana da quella originale.

Credo non si possa fare diversamente comunque mi informerò

copyright domenico fargnoli

 

 

fiore *omonimia*            

Inviato il: 27 Sep 2007, 03:09 PM

Vorrei comprendere il significato profondo di “da dipinto all’immagine”..se non ho capito male i dipinti di Fargnoli sono le rappresentazioni,le immagini elaborate nel lavoro con i gruppi,l’artista fa il dipinto dall’immagine da psichiatra (ho capito bene?).Il contrario è rivolto all’immagine che può essere suscitata dalla visione del dipinto in coloro che la guardano ? Oggi ho potuto vedere finalmente i video.Mi ha colpito anche la musica di sottofondo piuttosto inquietante..stanotte pur non sapendo niente del tema di “Waste”,la parte di un sogno mi ha turbato con l’immagine della parola “catastrofe”che si evidenziava nel mobiletto di cucina proprio dove meto materiale di pronto uso che riciclo (giornali,straccetti,ecc.)..non è stata ieri una bella giornata…forse l’inconscio già preannunciava il tema dei video (Waste in particolare)..anche se il tema della catastofe annunciata sembra un tema scontato coscientemente, la mia attenzione è caduta sulle parole “rifiuto”,”riciclaggio”,trasformazione”……un pò come il tema della “sordità” in “La perla tra le labbra”. Catastrofe-rienro dolce dell’umanità-quali speranza in questi lumi di luna?

 

 

Alogon            

Inviato il: 29 Sep 2007, 09:25 AM

Dal dipinto all’immagine è una rielaborazione dei dipinti della pittrice Franca Marini.

Direttamente i gruppi e la psichiatria non c’entrano niente.

Indirettamente forse ma il discorso sarebbe complesso.

Quanto a Waste qualunque telegiornale è più catastrofico di questo video che forse parla della necessità di riaffermare inannzitutto una ecologia della mente, parla di un pensiero e dei suoi rifiuti che navigano sul Web.

Forse l’nquinamento è originariamente un evento psichico, il risultato di una alterazione nel rapporto con la realtà…

copyright domenico fargnoli

 

 

Fiore *omonimia*            

Inviato il: 29 Sep 2007, 12:03 PM

Sono d’accordo nell’affermazione che “qualunque telegiornale è più catastrofico di questo video”,non volevo affermare questo,anzi mi sono resa conto subito dopo di aver inviato l’ultimo messaggio che avevo scritto che” Il tema del video era la catastrofe… “non era il mio reale pensiero anche perchè la visione del video non mi ha fatto star male,come se qualcosa finalmente venisse affrontato,in altri ambiti che non sono quelli che passano dai tradizionali canali che sempre di più ci parlano degli aspetti coscienti del problema (si può dire così?).Sulla speranza della quale cercavo risposta,forse perchè vorrei veder cambiare le cose in fretta,già il fatto che il video “parli” e ci sia una ricerca è già una speranza .. sottilmente capisco che è un approccio tanto più diverso dagli altri..nel quotidiano,nel nostro piccolo,possiamo già invitare gli altri “a vedere il mondo con occhi nuovi”,dopo il messaggio del video?

Nell’occasione vi mando l’augurio di una “buona navigazione “ per gli impegni di questo periodo.

 

 

fiore            

Inviato il: 21 Oct 2007, 07:01 PM

Che sorpresa alle pagine 74,75,76,76 dell’ultimo numero di Left!!

“Le nuove vie della creatività” di Domenico Fargnoli-A Firenze dal 25 ottobre,al via la grande kermesse mediatica dedicata ai nuovi linguaggi e all’avanguardia digitale.Cercando nuove strade ,fuori dal deserto dell’arte contemporanea._

Ieri, 20 ottobre alla manifestazione di Roma,circa un milione di persone!!

..grandioso,anche se i media non hanno dato poca risonanza all’evento.

 

 

Alogon            

Inviato il: 21 Oct 2007, 08:41 PM

grazie fiore. Alla manifestazione è stata fatta una grande promozione di Left e lo stesso avverrà al Festival della creatività dove verrranno distribuite gratuitamente un numero considerevole di copie.

copyright domenico fargnoli

 

 

 

Guest            

Inviato il: 22 Oct 2007, 06:09 PM

Se ho capito bene si può essere creativi anche senza essere artisti ma non è detto che un artista sia creativo e la creatività è qualcosa di interno legato all’identità e quindi alla sanità, mentre l’arte può anche essere espressione di malattia mentale…Vorrei approfondire il concetto di certezza dell’identità in quanto collegato alla creatività…concetto potente che chiude con grande efficacia l’articolo pubblicato sull’ultimo numero di left a proposito del festival della creatività…

 

 

Guest            

Inviato il: 22 Oct 2007, 08:36 PM

Con riferimento all’articolo su Left:la scoperta,la comprensione di cosa accade nella mente di un artista (o di uno scienziato) quando crea, quali porte aprirebbe,o meglio, avrebbe una valenza simile ,nel proprio ambito,a quello che ha avuto la scoperta dell’istinto di morte (o meglio,della fantasia di sparizione) di Massimo Fagioli? Quali ripercussioni anche nella dimensione collettiva? Tasselli colorati di un mosaico che sono già in tasca e che aspettano solo di essere tirati fuori e assemblati?

 

 

Alogon            

Inviato il: 24 Oct 2007, 06:08 PM

“Con riferimento all’articolo su Left:la scoperta,la comprensione di cosa accade nella mente di un artista (o di uno scienziato) quando crea, quali porte aprirebbe,o meglio, avrebbe una valenza simile ,nel proprio ambito,a quello che ha avuto la scoperta dell’istinto di morte (o meglio,della fantasia di sparizione) di Massimo Fagioli? Quali ripercussioni anche nella dimensione collettiva? Tasselli colorati di un mosaico che sono già in tasca e che aspettano solo di essere tirati fuori e assemblati?”

Non capisco bene il senso della domanda…quanto poi ai tasselli colorati che sono già in tasca e aspettano solo di essere tirati fuori sinceramente è qualcosa che non mi appartiene.

Non so forse potrebbe essere utile un chiarimento ulteriore.

copyright domenico fargnoli

 

 

fiore *omonimia*            

Inviato il: 26 Oct 2007, 03:47 PM

Biblioteca Nazionale di Firenze

27 ottobre-17 novembre 2007

Ministero per i beni e le attività cultural,Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze e

l’Associazione Culturale Senza Ragione

in collaborazione con il Comune di Firenze

presentano

 

ARTE SENZA MEMORIA

pittura,scultura e videoinstallazioni

a cura dell’Associazione culturale Senza Ragione

con il contributo di Domenico Fargnoli

 

 

fiore            

Inviato il: 26 Oct 2007, 03:53 PM

La mostra sarà inaugurata SABATO 27 OTTOBRE 2007, ore 11

ORARIO: lun./ven. 10-12.30–15-18 /sab. 10-12.30 INGRESSO LIBERO

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...