Pensare è una solitudine

 

Nella solitudine si realizza l’identità ed il pensiero  come capacità di separazione dagli altri

Chi  non accetta la solitudine, una distanza  dagli altri che non è annullamento,  non riesce a pensare

“Il solipsismo” non è la solitudine  così come  non lo è  l'”autismo” nel senso di  Eugene Bleuler: quest’ultimo è un deragliamento del pensiero. Per il solipsista   solo la sua presenza nel mondo conta ed è reale. Scriveva Wittgenstein << Allo stesso modo che la mia rappresentazione è il mondo, così la mia volontà è la volontà del mondo>> Il soggetto “autistico” vive il distacco e l’isolamento dagli altri,

Pensare è realizzare l’esistenza del mondo umano dentro di sè che emerge nelle immagini e nelle parole.

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...