Psichiatria

Dsm V: a disaster for American psychiatry


Schermata 01-2456316 alle 11.23.51 Schermata 01-2456316 alle 11.23.11Schermata 01-2456316 alle 11.23.51Schermata 01-2456316 alle 11.24.44

Dsm V: a disaster for American psychiatry

The catastrophic terror, evoked all the time, seems to be the sticking point of the collective psychology in the United States. And there are people who earn inventing diseases

 


Domenico Fargnoli
giovedì 17 gennaio 2013 13:01

Allen J. Frances, Professor Emeritus of Psychiatry at the Duke University and coordinator of the team of experts that in 1994 created the DSM IV (Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders), regarding the soon to be published new version, the 5th, talked about “a disaster”. With respect to its etymology, the term “disaster” (dis-aster) refers to a calamity, as it could have been the end of the world proposed by the Maya, caused by negative astral influence. The DSM manual, now considered in its various editions a true Bible for psychiatry, has been conceived and written by real people, with real names: on those real people must fall the enormous responsibility for the incalculable damages that the practical applications of DSM criteria – completely devoid of any scientific basis – could cause to the mental health of millions or even billions of people. To exorcize or cancel the sense of guilt about the possible iatrogenic damage, I think that it’s not enough to simply exchange a human event with a natural event, just as schizophrenic patients use to do; or to lose the research of the real causes by referring to horoscopes, destiny and alignment of planets. As the use of particular terms reveals, a catastrophic sense has silently and unnoticeably entered, just like the Trojan Horse, the secret citadels of the powerful lobbies of the A.P.A., pointing out a dangerous flaw in their ideological pseudo-truths. The subject is very present. Freus’d “death” has left, in America, a heavy heritage that negatively influenced psychiatry. Catastrophic fantasies and daydreaming form part of the connective tissue of North American imagination: from the famous 1938 radio show in which Orson Welles announced the war of the worlds and the Earth attacked by Martians, causing a wave of uncontrolled and general panic; to cinema productions like “The Invasion of the Body Snatchers” (Don Siegel, 1956), or like more recent ones: “The Day After Tomorrow” (Roland Emmerich, 2004), “2012” (Roland Emmerich, 2009), the catastrophic terror, perennially evoked and exorcised, seems to be the sensible, aching spot of collective American psychology. Surely Osama Bin Laden had well understood this aspect, when planning the attack to the Twin Towers: a scene that, seen on television, seemed to be taken from a Sci-Fi movie. Sometimes nightmares, or what psychiatrists could define as “socially shared deliriums” are transformed by someone in reality with an enormous amplification of the terrifying effect.

In May 2013 the new edition, revised and corrected, of the DSM, the famous Diagnostic and Statistic Manual of Mental Disorders will be published: even without referring to astrology, it’s been anticipated that for American psychiatry it will represent a true announced catastrophe. According to Allen J. Frances, the present moment – that exactly matches the final approval and the imminent release of the manual – is the worst moment in his multi-decennial activity of study, teaching and clinical research in psychiatry: he encourages patients, physicians, media and naturally psychiatrists to refuse credit to a publication that, in his opinion, has no scientific credibility and that could lead to many and very serious diagnostic mistakes, extremely dangerous for patients due to completely useless prescriptions for drugs. These new diagnoses in psychiatry could well be more dangerous than the medicines, because they deeply affect the circumstance that millions of people could be prescribed psychotropic drugs often by general practitioners and after a very short interview. The introduction of new diagnoses should be done with the same attention that is dedicated to the patients’ health when introducing on the market new drugs. All the new diagnostic categories introduced in the DSMV – from those regarding alimentary abuse (basically everyone who loves eating and good food could be diagnosed with Binge Eating Disorder), to addictions (millions of youths could be diagnosed with Internet Use Gaming Disorder), to autism spectrum (Autism Spectrum Disorder, in which from now on will be included the Asperger Syndrome, that used to be a separate and autonomous diagnosis) – extend the limits of pathology by the tendency to codify many symptoms that are dangerously close to “normality”. There are many other extremely controversial aspects in the DSMV, like the adoption of the definition “Pedophilic Disorder”. The word “disorder” can not, in any case, give a correct idea of the seriousness of this pathology, that in this new edition is considered in such a manner only when the sexual fantasies and impulses create a sense of clinically significant “discomfort” (sic!) or the impairment of working or social activity, as it was already stated in the DSMIV. This definition has a very important consequence: only those who perceive a sense of “discomfort”, a sense of guilt, that is, could be diagnosed as pedophiles, while those with a much more serious illness, those that are completely unemotional could be considered normal because they do not feel any guilt or discomfort, because they maintain an equilibrium. This tendency to identify “normal” and “unemotional” can be found also in the decision – that could also appear in the DSMV, unless last minute changes are adopted – of confusing the pain caused by the loss of someone close, with a clinical depression. Grief excluded depression in the DSMIV, while in the new edition these two situation could coincide. Regardless of the final conclusion of this controversy, that has risen due to many protests from many columnists and important scientific publications, it clearly speaks well about the ideological foundation of American psychiatrists, that consider schizoids, those that are completely unemotional, as perfectly normal and balanced people. The repercussions of this conception are important: every year 2,5 millions of people in the United Stated die, leaving many more people, relatives and friends, in a state of sorrow and grief; if this condition goes on for more than two weeks, these people could easily be diagnosed, especially by general practitioners, a depression – this with great satisfaction, economical also, for pharmaceutical industries. In everyday’s medical practice the false positives of depression diagnoses after a loss, cause absurd situations and clearly show, just by common sense, an admission of complete incompetence.

American psychiatry is absolutely unable to face extremely serious psychotic situations such as Adam Lanza’s mass murdering: in this case schizophrenia hasn’t been diagnosed and aptly treated. A normal and physiological state of grief is considered pathologic and a clear psychotic state isn’t detected. The so called “mass shooting” has become almost epidemic, a sort of unconsciously repeated dramatization of the idea of a violent and hyper rational society (62.000 deaths in just a few years by firearms) that historically has been erected on racism and systematic extermination of native populations. The same war ideology that makes the United States so present in many unfair and useless conflicts, is the origin of a psychiatric emergency in the armed forces: 295 soldiers took their lives just in 2012. The only given response to this dramatic situation is a manual that’s been created with the aim of reinforcing the academic status quo, that is very far from real life and whose main interest is to obtain an economic profit for pharmaceutical sector. According to Frances the motivations that lead to the new edition of the DSM aren’t just of economic nature, tied to a very simple conflict of interests among various researchers paid by different pharmaceutical industries; this conflict, for the scientist, is a lot more of “intellectual” nature: these highly specialized researchers have the natural tendency to value their personal guidelines and ideas, to expand their sectors of study regardless of the practical clinical consequences for the unfortunate patients. It must not be underestimated that A.P.A. invested 25 millions in DSMV, and given that the previous edition has been a worldwide bestseller, a similar result is expected for this new edition as well, not only in terms of profits from the sells, but also in terms of increased popularity and prestige for the researchers – popularity and prestige that can be cashed in on as well. Even if Professor Frances’ critiques appear to be somehow well motivated, they do not decrease his personal responsibility in this announced disaster.

He has been, indeed, the first creator of DSMIV, starting what now appears to be a true psychiatric apocalypse: it must be remembered that the 1994 edition of the manual was labeled as “trash science” in an international survey of experts carried on in England in 2001, as well as being voted as one of the ten worse psychiatric publications of the millennium. It’s false, therefore, to say that there’s a substantial difference between DSMIII and IV, because in the latter, already, it was introduced a clear loss of effectiveness of the diagnosis in favor of its reliability: a group of psychiatrists finds an agreement on a series of atypical behaviours and on the fact that they found a mental disease. The creation of new categories becomes, therefore, a sort of cultural and intellectual game completely devoid of any scientific validity despite its – supposed – reliability that comes from the simple fact of being shared by a large number of experts: this procedure, applied to the real world of clinical practice is a fraud tout court. As it shows, not only Allen J. Frances appears be to be unreliable when not only declaring his non-theoreticism, but also when claiming to have overcome the confusion of diagnoses that ruled psychiatry before the DSMIV; a confusion largely due to the massive presence of Freudian psychoanalysis in America. There’s a precise historical and ideological continuity between the Freudian fraud – submitting patients to analysis without wanting and without being able to be a cure – and DSM in its various versions – proposing diagnostic criteria based on pseudo-scientific assumptions, as those regarding the affirmed genetic nature of schizophrenia, just as an example, very useful to be paid by medical insurances.

Just as Freudians considered all human beings as potential carriers of mental illness, for the fact that in everyone there would be a naturally perverse subconscious and a schizophrenic ideation as the one in dreams; so the A.P.A. now with DSMV sees in normality a state of potential illness: for the psychoanalysis, mental illness, omnipresent in every human being, was latent in the subconscious; at present moment, on the other hand, mental illness is found in the conscious and in the behaviour of so-called normal people that, for example, have the misfortune of losing a relative, therefore getting trapped in the knots of the diagnostic categories of DSM. Personally I will comply with Allen J. Frances advices: I will boycott in every possible way the DSMV, adding that I’ve done exactly the same with III and IV. Just as I did not believe to Mayas’ prophecy about the end of the world, so I don’t believe that the failure of DSMV is a particularly meaningful event in the history of contemporary psychiatry, despite all the hype in the mass media. According to my experience and formation, the true game regarding the future of psychiatry is played on another field: in my professional practice I will keep on using the classification of illnesses that was already present from the start of 20th century in the great theoretical production of the psychopathologists, with the likes of Jaspers, Eugen Bleuler, Minkowsky, Kurt Schneider, Barison.

To my advice, only the critical revision of those diagnostic categories with a psychopathologic derivation, carried on for more than sixty years by Massimo Fagioli, allows us to correctly identify and focus the nature of the pathogenetic processes that we have to face in the practice of psychotherapy. Fagioli’s “Teoria della Nascita” (“Birth Theory”) completely transformed all traditional theoretical views regarding the genesis of mental illness. Starting with Esquirol, throughout 19th and 20th centuries to the present (the last example being Rita Levi Montalcini), it’s been thought that mental illness is tied to a rationality deficit and to a diminished ability to draw together by the conscience. Regression, therefore, would set the subconscious automatisms free, taking into light an irrational ideation that was considered naturally psychotic. Today, though, we know that the generating nucleus of the illness does not reside in conscience, but in a specific unconscious activity, the “Pulsione di Annullamento” (“Annulment Drive”), that was historically discovered by Fagioli: the “Pulsione di Annullamento” is not a natural characteristic with which each human being was born; to the contrary, it derives from a failure in the relations with other human beings. Originally the “Pulsione di Annullamento” comes from an inadequacy in the relation between mother and child: this inadequacy – no matter how we conceive it – affects the child’s vitality right from birth. Only by identifying the generating nucleus responsible for the specific form that mental illness takes, we can get also what is not immediately visible and understandable by the conscience, thus formulating diagnoses that are not only reliable, but also motivated and true. Many other internationally known researchers, such as American Louis A. Sass and Joseph Parnas from Copenhagen University, share this same view, although in a different theoretical reference frame; according to Parnas, only by improving our psychopathologic knowledge, we can fight the reification of the diagnostic categories that is carried on in the various editions of the DSM, the Bible of American psychiatry.

Domenico Fargnoli, psychiatrist

Translation: Dr. Lorenzo Frusteri

Italian version

Home
Vai alla sezione Libri

Per la tua pubblicità sul Globalist: Websystem
Standard
Psichiatria

Il DSM5:un disastro per la psichiatria americana

torri-gemelle

Il disastro delle torri gemelle

Il DSMV:un disastro per la psichiatria americana

Domenico Fargnoli

Allen J Frances professore emerito di psichiatria alla Duke University e coordinatore del team di esperti che nel 1994 realizzò il DSMIV a proposito dell’uscita dell’ultima versione, la quinta, ha parlato di “disastro”. Con riferimento all’ etimologia del termine il dis-astro si riferisce ad una calamità come avrebbe potuto essere la fine del mondo prevista dai Maya, dovuta ad influssi astrali negativi. Ora il DSM considerato nelle sue varie versioni una vera e propria Bibbia della psichiatria è stato scritto da persone che hanno un nome e cognome:su di loro ricade l’enorme responsabilità degli incalcolabili danni che potrebbero provocare alla salute mentale di centinaia di milioni se non di milardi di persone, le applicazioni pratiche di criteri senza fondamento scientifico. Ad esorcizzare o cancellare il senso di colpa relativo all’eventuale danno iatrogeno credo non possa bastare lil semplice scambio di eventi umani con eventi naturali, analogamente a quanto fanno gli schizofrenici, o il vanificare la ricerca delle cause nel fare riferimento all’oroscopo, al destino od all’ allineamento dei pianeti.

Come rivela l’uso di alcuni termini, impercettibilmente un vissuto catastrofico si è insinuato come un cavallo di Troia nella cittadella delle potenti lobbies dell’APA, rivelando una pericolosa linea di frattura nelle loro pseudocertezze ideologiche.

il-testamento-del-dottor-mabuse-la-locandina-del-film-224515

“Il testamento del dott. Mabuse” di Fritz Lang (1933). Uno psichiatra alla testa di una banda di criminali subisce l’influenza di un suo paziente psicoanalista affetto da schizofrenia paranoide. Il tema è attuale. La “morte” di Freud in America ha lasciato una pesante eredità che ha influenzato negativamente la psichiatria.

Le fantasticherie catastrofiche fanno parte del tessuto connettivo dell’immaginario nordamericano: dalla famosa trasmissione radiofonica del 1938 in cui Orson Welles annunciava la guerra fra i mondi, l’attacco alla terra da parte dei marziani, determinando reazioni di panico generalizzato,

La guerra dei mondi

La guerra dei mondi

alle produzioni cinematografiche come L’invasione degli ultracorpi diretto da Don Siegel nel 1956 o le più recenti come The day after tomorrow ( 2004) del regista Roland Emmerich o 2012 uscito nel 2009 sempre ad opera dello stesso regista, il terrore catastrofico, continuamente evocato ed esorcizzato, sembra essere il punto sensibile e dolente della psicologia collettiva statunitense. Ben aveva compreso questo aspetto Osama Bin Laden quando progettò l’attacco alle torri gemelle che, visto in televisione,sembrava una scena tratta da un film di fantascienza. A volte gli incubi o quelli che uno psichiatra potrebbe considerare deliri socialmente condivisi vengono tradotti da qualcuno in una tragica realtà con una enorme amplificazione dell’effetto terrifico..

Nel maggio 2013 uscirà la nuova versione riveduta e corretta del DSM5 il famoso manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali : anche senza far ricorso all’astrologia è stato previsto che per la psichiatria americana sarà una vera e propria catastrofe annunciata.NEWS_91336 Secondo Allen J Frances il momento attuale che coincide con la definitiva approvazione ed imminente edizione del manuale, è il peggior momento nella sua pratica pluridecennale di studio, insegnamento e di ricerca clinica in psichiatria: egli invita i pazienti, i medici di base e la stampa, nonché ovviamente gli psichiatri a non dare credito ad una pubblicazione che secondo lui, non ha credibilità scientifica e che può indurre numerosi e gravi errori diagnostici estremamente lesivi della salute degli individui a causa di prescrizioni farmacologiche del tutto inutili. Le nuove diagnosi in psichiatria potrebbero essere più pericolose dei nuovi farmaci poichè influenzano il fatto che milioni di persone siano sottoposte o meno all’azione di droghe psicotrope spesso da medici non specialisti dopo un breve colloquio . L’introduzione di nuove diagnosi dovrebbe essere fatta prestando ad esse la stessa attenzione per la salute dei pazienti che viene riservata alla introduzione di nuovi farmaci. Tutte le nuove categorie diagnostiche introdotte, da quelle che riguardano gli abusi alimentari (il Binge eating disorder in cui rientrerebbero tutti quelli che amano fare baldoria), la dipendenza da internet (Internet use gaming disorder che interesserebbe milioni di giovani) o lo spettro autistico ( Autism spectrum disorder in cui viene d’ora in avanti inclusa, scomparendo come entità autonoma la sindrome di Asperger) estendono a dismisura il raggio della patologia per la tendenza ad individuare la presenza di sintomi in aree pericolosamente contigue alla “normalità”. Molti sono gli aspetti più controversi del nuovo DSM5 ,per es. adottare la terminologia Pedophilic disorder . La parola “disordine” o “disturbo” che dir si voglia non può minimamente rendere conto della gravità della patologia in questione considerata tale solo se le fantasie e gli impulsi sessuali o i comportamenti provocano disagio (sic!) clinicamente significativo o compromissione dell’area sociale o lavorativa come si diceva già a partire dal DSMIV. Questa impostazione ha come conseguenza che verrebbero diagnosticati come pedofili solo quelli che provano “disagio” cioè senso di colpa ,mentre i soggetti più gravi, completamente anaffettivi e che quindi non si alterano passerebbero per normali. La tendenza a scambiare l’anaffettività con la normalità la ritroviamo nella decisione, che potrebbe permanere nel DSM5 a meno di un ripensamento dell’ultimo momento, di confondere il dolore provocato da un lutto recente con una depressione clinica. Il dolore da lutto escludeva nel DSMIV la depressione mentre nella nuova edizione le due situazioni potrebbero sovrapporsi. Indipendentemente da quale esito abbia la controversia nata dalla contestazione di numerosi editorialisti e prestigiose riviste scientifiche, essa la dice lunga sulla impostazione ideologica degli psichiatri americani che considerano la schizoidia, cioè una condizione di insensibilità, come l’assetto ideale della normalità. Le ricadute però di tale concezione sono notevoli: ogni anno muoiono negli States qualcosa come 2,5 milioni di persone che lasciano un numero ancor più grande di loro cari in uno stato di prostrazione e di lutto: se questa condizione si protrae per più di due settiamane i sopravvissuti corrono il rischio di vedersi diagnosticato, soprattutto dai medici di base, uno stato depressivo con grande soddisfazione, soprattutto economica delle case farmaceutiche. Nella concretezza della pratica medica il falso positivo della diagnosi di depressione nel lutto genera situazioni che appaiono paradossali oltre ad equivalere, solo alla luce del buon senso, come ammissione di totale incompetenza.

La psichiatria americana è del tutto incapace di far fronte a gravi situazioni psicotiche come per es, quella del mass murderer Adam Lanza la cui schizofrenia non è stata diagnosticata e trattata adeguatamente . Si medicalizza il lutto fisiologico e non ci si accorge e non si trattano forme psicotiche evidenti. Il cosidetto mass shooting è diventato quasi epidemico, una sorta di drammatizzazione inconsapevolmente ripetuta dell’immagine di una società iperrazionale e violenta ( 62000 morti in pochi anni per ferite di armi da fuoco) che storicamente è stata eretta sul razzismo e sullo sterminio sistematico delle popolazioni indigene. L’ideologia della guerra che vede gli Usa impegnati in conflitti ingiusti ed inutili, è all’origine di un’emergenza psichiatrica nelle forze armate: solo nel 2012 si sono tolti la vita.295 soldati.

A tutta questa drammatica situazione si risponde con una manuale creato in base alla logica di rafforzare i potentati accademici, che sembrano molto lontani dalla vita reale e conseguire un utile economico a tutto vantaggio dell’industria farmaceutica.

Secondo Frances le motivazioni che hanno portato alla stesura del DSM5 non sono però solo d’ordine economico , riconducibili ad un banale conflitto di interessi per i revisori che hanno ricevuto compensi dalle case farmaceutiche. Il conflitto di interessi sarebbe, per lo scienziato soprattutto “intellettuale” individuabile nella naturale propensione di esperti altamente specializzati a valorizzare le proprie idee guida, ad espandere le aree di ricerca non tenendo conto delle ricadute pratiche a livello clinico per I malcapitati pazienti.

Forse però non bisogna sottovalutare che l’APA ha investito ben 25milioni di dollari nel DSM5 e dato che la precedete edizione è stato un best seller di proporzioni planetarie ci si aspetta anche questa volta di ricavare enormi profitti dalla pubblicazione senza considerare gli effetti collaterali della ricaduta di popolarità e prestigio da parte del team di revisori, anch’essi in ultima analisi monetizzabili.

Anche se le critiche del professore Frances appaiono in parte motivate esse però non diminuiscono la sua responsabilità nel disastro annunciato.

Proprio lui è stato infatti il principale artefice del DSMIV dando il via a ciò che oggi appare come un’apocalisse psichiatrica: è doveroso ricordare che il Manuale nell’edizione del 1994 è stato etichettato “scienza spazzatura” in un sondaggio internazionale di esperti eseguito in Inghilterra nel 2001, oltre che essere stato votato una delle dieci pubblicazioni psichiatriche peggiori del millennio. E’ falso quindi che ci sia una sostanziale differenza qualitativa fra il DSMIII e IV in quanto già in quest’ultimo era stata denunciata la perdita della validità della diagnosi a favore della loro attendibilità: un gruppo di psichiatri si mette d’accordo su una lista di comportamenti atipici e sul fatto che costituiscano un disturbo mentale . La creazione di nuove categorie è allora una specie di gioco da salotto priva di qualunque validità scientifica anche se dotato di attendibilità cioè viene condiviso da un gran numero di esperti: trasportato nel mondo della pratica clinica reale questo procedimento è tout court una truffa.

Come si vede AllenJ Frances appare poco attendibile quando non solo proclama la sua ateoreticità ma pretende di aver superato la confusione delle diagnosi imperante nella psichiatria prima del DSMIV dovuto in gran parte alla massiccia presenza della psicoanalisi freudiana in America.

C’ è una precisa continuità storica ed ideologica fra la truffa freudiana che sottoponeva ad analisi dei pazienti senza voler e poter essere una cura e il DSM nelle sue varie versioni che propone criteri diagnostici basati su assunti pseudoscientifici, come quelli della natura genetica della schizofrenia , solo per fare un esempio, ma molto utili per essere pagati dalle assicurazioni di malattia.

Come i feudiani consideravano tutti gli esseri umani potenziali portatori di malattia mentale in quanto in ciascuno sarebbe stato presente un inconscio naturalmente perverso e un’ideazione schizofrenica come quella dei sogni, così l’APA con il DSM5 vede oggi nella normalità uno stato potenziale di malattia: per la psicoanalisi, la malattia mentale ubiquitariamente presente nell’essere umano era latente nell’inconscio. Quest’ultima oggi viene individuata invece nella coscienza e nel comportamento delle cosiddette persone normali che abbiamo per es la sventura di un lutto ed incappino nei lacci delle categorie diagnostiche del DSM.

Personalmente quindi mi atterrò alle indicazioni di AllenJ Fances: boicotterò in tutti I modi possibili il DSM5 aggiungendo comunque che ho fatto lo stesso con il DSM III e IV. Come non ho creduto alla fine del mondo dei Maya così non credo che il fallimento del DSMV sia un evento particolarmente significativo nelle vicende della psichiatria contemporanea nonostante tutto il battage pubblicitario nei mass media. La vera partita del futuro della psichiatria , secondo la mia esperienza e formazione, si gioca su tutt’altro campo: nella mia pratica clinica continuerò ad utilizzare la classificazione delle malattie mentali presente già nella grande produzione teorica della psicopatologia del 900, a partire da Jaspers ,Eugen Bleuler, Minkowsky, Kurt Schneider, Barison. A mio avvisafe_imageso solo la revisione critica che Massimo Fagioli a partire dalla seconda metà del secolo scorso ha operato sulle categorie diagnostiche di derivazione psicopatologica ci consente un inquadramento corretto della natura dei processi patogenetici che dobbiamo affrontare nell’ambito della psicoterapia. La teoria della nascita ha completamente trasformato le tradizionali impostazioni teoriche relative alla genesi della malattia mentali. A partire d Esquirol lungo tutto l’arco dell’ottocento e del novecento fino ad oggi ( l’ultimo esempio è quello di Rita Levi Montalcini) si è pensato che la malattia mentale fosse legato ad un deficit di razionalità ed ad un affievolimento della capacità di sintesi della coscienza. La regressione avrebbe liberato gli automatismi dell’inconscio e reso manifesta un’ ideazione non consapevole considerata naturalmente psicotica. Oggi noi sappiamo che il nucleo generatore della malattia mentale risiede non nella cocienza ma in uno specifica attività inconscia, la pulsione di annullamento, individuata storicamente da Fagioli: essa non è una dotazione naturale con la quale ciascuno di noi nasce ma deriva da un fallimento dei rapporti interumani. Originariamente la pulsione di annullamento scaturisce da una inadeguatezza, comunque si configuri, della relazione madre bambino che incide sulla vitalità di quest’ultimo a partire dalla nascita.

Soltanto l’individuazione del nucleo generatore che è responsabile della peculiare forma che assume la malattia mentale ci consente di cogliere anche quanto non è immediatamente visibile e registrabile e di formulare diagnosi non solo attendibili ma soprattutto valide e motivate .Di questo stesso parere , pur in un quadro di riferimento teorico differente, sono autori internazionalmente conosciuti come lo statunitense Louis A.Sass e Joseph Parnas dell’Università di Copenaghen: secondo quest’ultimo solo un miglioramento delle conoscenze psicopatologiche può far fronte alla reificazione delle categorie diagnostiche presente nelle varie versioni del DSM, la Bibbia americana della psichiatria.


Standard