Emmanuel Faye e Hannah Arendt. Heidegger come Platone? Si può ridere del “re filosofo”?

he

faye_heidegger_cop_sm

Eichmann_in_Jerusalem_book_cover

Hannah Arendt, in una intervista rilasciata poco dopo l’ uscita del suo  libro su Adolf  Eichmann a proposito di quest’ultimo usa il termine “Hanswurst” (Giovanni-salamino) che nei sottotitoli è stato tradotto con “fool” che io a mia volta ho tradotto con “pazzo”, perchè giullare non mi suonava in quel contesto e  non riuscivo ad individuare la parola tedesca pronunciata nel video.

[minuto 49.27]

Il termine tedesco usato nel passaggio in questione,  per quanto mi consta vuol dire più esattamente “buffone”: persona che suscita l’ilarità. Nel dizionario Italiano tedesco Hanswurst viene tradotto anche come Arlecchino

<<Come figura popolare contadina l’Hanswurst viene introdotta in pezzi del teatro di fiera e itinerante. Il nome compare per la prima volta in una versione in mediobasso tedesco  della “La nave dei folli” di Sebastian Brandt  /1519) (mentre nella versione originale veniva utilizzato il nome Hans Myst).

Stranitzky
Hanswurst

Hanswurst era in uso anche come parola ridicola di scherno.Martin Lutero  la utilizzò nel 1530 nel “Vermahnung an die Geistlichen, versammelt auf dem Reichstag zu Augsburg” e scrisse nel 1541 il documento polemico “Wider Hans Worst“. Nel sedicesimo  e neldicassettesimo secolo  si incontrano occasionalmente questi nomi figurativi negli spettacoli carnevaleschi e nelle commedie.Il medico itinerante e reggente del Teatrp Kartentor  a Vienna  dal 1712 .Joseph Anton Stranitxky , fece concorrenza alla compagnia  della Commedia dell’Arte   e sviluppò l’Hanswurst come figura comica tedesca, facendo così nascere il genere del Teatro Popolare tardo-viennese. L’Hans Wurst di Stranitzky portava il costume di un contadino salisburghese  , aveva un cappello con tesa larga ed un bastone di Arlecchino: parlava inoltre uno spiccato accento viennese.>> [wikipedia]

arlecchino

336px-SAND_Maurice_Masques_et_bouffons_01

 

eichmann-620_1875226c

Con questa precisazione il senso della mia analisi svolta nel post “Le risate di Hannah Arendt” non cambia. Anche solo guardandolo in foto, per non dire nei filmati del processo Eichmann tutto sembra fuorchè un istrione od un giullare (da “iocularis”) od un Arlecchino (al quale  veniva a sovrapporsi talora come un doppio   l’ Hanswurst). Hannah Arendt che voleva ridicolizzare Heichmann togliendogli ogni carattere demoniaco gli attribuisce, inconsapevolmente   quello   di un personaggio farsesco diabolico .  L’arlecchino ( da Holle Konig-re dell’inferno. od Herlechino demone gigante ) era originariamente legato  per la maschera nera seicentesa al ghigno del diavolo. Strani scherzi della lingua! Vedere nel criminale nazista il cui aspetto era quello di un tetro burocrate, una maschera della commedia dell’arte voleva  comunque dire fargli un grosso regalo. La reazione della Arendt alla lettura degli interrogatori di Adolf Eichmann apparentemente era stata  quella di una serie di  risate isteriche : però bisogna cogliere qualcosa di più profondo e di più inquietante. La risata come esorcizzazione del demoniaco?

 Dico questo perché mi sono imbattuto in un  documento video del 2009 che conferma sul piano storico le conclusioni a cui sono arrivato, nel mio post precedente,  attraverso un’impostazione psichiatrica.

Emmanuel Faye autore de ” Heidegger, L’introduzione del nazismo nella filosofia” (L’asino d’oro 2012 ) comincia dicendo che la Arendt non ha mai fatto riferimento in pubblico al nazismo di Heidegger ma anzi ha cercato sistematicamente di nasconderlo. E’ suo inoltre, secondo il francese,   il massimo contributo storico  alla propaganda  planetaria del” pensiero” del maestro.   Hannah  pronunciò nel 1969  un discorso apologetico  ( segue traduzione inglese ) paragonando il filosofo dell’esistenzialismo,  per importanza, a Platone. Quindi siamo di fronte ad una attività di occultamento e di mistificazione cosciente,e di camuffamento di idee dal contenuto assolutamente antiumano  che hanno ispirato il genocidio e l’assassinio di milioni di persone. E’ difficile relegare nel campo dell'”isteria” così confinante con la normalità, una condotta che implica una connivenza sia pure indiretta con una prassi criminale di inaudite proporzioni.

Non ho potuto vedere il film della Von Trotta: mi dicono però che la studiosa, non voglio dire filosofa, vien descritta come persona di grande umanità e affettività.  Se ciò è vero mi domando come sia stato possibile e su quali documenti ci si è basati per fare una ricostruzione storica. Altri hanno precisato che

<<(…) il film illustra bene la glaciale affettuosità della Arendt, l’astrattezza del suo pensiero e  la sua dipendenza da Heidegger. >>

Martin Heidegger at Eighty (1969)

 Hannah Arendt translated from the German by Albert Hofstader .
I have said that people followed the rumor about Heidegger in order to learn thinking. What was experienced was that thinking as pure activity—and this means impelled neither by the thirst for knowledge nor by the drive for cognition—can become a passion which not so much rules and oppresses all other capacities and gifts, as it orders them and prevails through them. We are so accustomed to the old opposition of reason versus passion, spirit versus life, that the idea of a passionatethinking, in which thinking and aliveness become one, takes us somewhat aback. Heidegger himself once expressed this unification—on the strength of a proven anecdote—in a single sentence, when at the beginning of a course on Aristotle he said, in place of the usual biographical introduction, “Aristotle was born, worked, and died.”That something like Heidegger’s passionate thinking exists is indeed, as we can recognize afterward, a condition of the possibility of there being any philosophy at all. But it is more than questionable, especially in our century, that we would ever have discovered this without the existence of Heidegger’s thinking. This passionate thinking, which rises out of the simple fact of being-born-in-the-world and now “thinks recallingly and responsively the meaning that reigns in everything that is” (Gelassenheit, 1959, p. 15),2 can no more have a final goal—cognition or knowledge—than can life itself. The end of life is death, but man does not live for death’s sake, but because he is a living being; and he does not think for the sake of any result whatever, but because he is a “thinking, that is, a musing being” (ibid.).A consequence of this is that thinking acts in a peculiarly destructive or critical way toward its own results. To be sure, since the philosophical schools of antiquity, philosophers have exhibited an annoying inclination toward system building, and we often have trouble disassembling the constructions they have built, when trying to uncover what they really thought. This inclination does not stem from thinking itself, but from quite other needs, themselves thoroughly legitimate. If one wished to measure thinking, in its immediate, passionate liveliness, by its results, then one would fare as with Penelope’s veil—what was spun during the day would inexorably undo itself again at night, so that the next day it could be begun anew. Each of Heidegger’s writings, despite occasional references to what was already published, reads as though he were starting from the beginning and only from time to time taking over the language already coined by him—a language, however, in which the concepts are merely “trail marks,” by which a new course of thought orients itself.

Heidegger refers to this peculiarity of thinking when he emphasizes that “thecritical question, what the matter of thought is, belongs necessarily and constantly to thinking”; when, on the occasion of a reference to Nietzsche, he speaks of “thinking’s recklessness, beginning ever anew”; when he says that thinking “has the character of a retrogression.” And he practices the retrogression when he subjectsBeing and Time to an “immanent criticism,” or establishes that his own earlier interpretation of Platonic truth “is not tenable,” or speaks generally of the thinker’s “backward glance” at his own work, “which always becomes a retractatio,” not actually a recanting, but rather a fresh rethinking of what was already thought (inZur Sache des Denkens, pp. 61, 30, 78).

Every thinker, if only he grows old enough, must strive to unravel what have actually emerged as the results of his thought, and he does this simply by rethinking them. (He will say with Jaspers, “And now, when you just wanted really to start, you must die.”) The thinking “I” is ageless, and it is the curse and the blessing of thinkers, so far as they exist only in thinking, that they become old without aging. Also, the passion of thinking, like the other passions, seizes the person—seizes those qualities of the individual of which the sum, when ordered by the will, amounts to what we commonly call “character”—takes possession of him and, as it were, annihilates his “character” which cannot hold its own against this onslaught. The thinking “I” which “stands within” the raging storm, as Heidegger says, and for which time literally stands still, is not just ageless; it is also, although always specifically other, without qualities. The thinking “I” is everything but the self of consciousness.

Moreover, thinking, as Hegel, in a letter to Zillmann in 1807, remarked about philosophy, is “something solitary,” and this not only because I am alone in what Plato speaks of as the “soundless dialogue with myself” (Sophist 263e), but because in this dialogue there always reverberates something “unutterable” which cannot be brought fully to sound through language and articulated in speech, and which, therefore, is not communicable, not to others and not to the thinker himself. It is presumably this “unsayable,” of which Plato speaks in the Seventh Letter, that makes thinking such a lonely business and yet forms the ever varied fertile soil from which it rises up and constantly renews itself. One could well imagine that—though this is hardly the case with Heidegger—the passion of thinking might suddenly beset the most gregarious man and, in consequence of the solitude it requires, ruin him.

The first and, so far as I know, the only one who has ever spoken of thinking as apathos, as something to be borne by enduring it, was Plato, who, in theTheaetetus (155d), calls wonder the beginning of philosophy; he certainly does not mean by this the mere surprise or astonishment that arises in us when we encounter something strange. For the wonder that is the beginning of thinking—as surprise and astonishment may well be the beginning of the sciences—applies to the everyday, the matter-of-course, what we are thoroughly acquainted and familiar with; this is also the reason why it cannot be quieted by any knowledge whatever. Heidegger speaks once, wholly in Plato’s sense, of the “faculty of wondering at the simple,” but, differently from Plato, he adds, “and of taking up and accepting this wondering as one’s abode” (Vorträge und Aufsätze, 1954, Part III, p. 259).

This addition seems to me decisive for reflecting on who Martin Heidegger is. For many—so we hope—are acquainted with thinking and the solitude bound up with it; but clearly, they do not have their residence there. When wonder at the simple overtakes them and, yielding to the wonder, they engage in thinking, they know they have been torn out of their habitual place in the continuum of occupations in which human affairs take place, and will return to it again in a little while. The abode of which Heidegger speaks lies therefore, in a metaphorical sense, outside the habitations of men; and although “the winds of thought,” which Socrates (according to Xenophon) was perhaps the first to mention, can be strong indeed, still these storms are even a degree more metaphorical than the metaphor of “storms of the age.”

Compared with other places in the world, the habitations of human affairs, the residence of the thinker is a “place of stillness” (Zur Sache des Denkens, p. 75). Originally it is wonder itself which begets and spreads the stillness; and it is because of this stillness that being shielded against all sounds, even the sound of one’s own voice, becomes an indispensable condition for thinking to evolve out of wonder. Enclosed in this stillness there happens a peculiar metamorphosis which affects everything falling within the dimension of thinking in Heidegger’s sense. In its essential seclusion from the world, thinking always has to do only with things absent, with matters, facts, or events which are withdrawn from direct perception. If you stand face to face with a man, you perceive him, to be sure, in his bodily presence, but you are not thinking of him. And if you think about him while he is present, you are secretly withdrawing from the direct encounter. In order to come close, in thinking, to a thing or to a human being, it or he must lie for direct perception in the distance. Thinking, says Heidegger, is “coming-into-nearness to the distant” (Gelassenheit p. 45; cf. Discourse on Thinking, p. 68).

One can easily bring this point home by a familiar experience. We go on journeys in order to see things in faraway places; in the course of this it often happens that the things we have seen come close to us only in retrospect or recollection, when we no longer are in the power of the immediate impression—it is as if they disclose their meaning only when they are no longer present. This inversion of relationship—that thinking removes what is close by, withdrawing from the near and drawing the distant into nearness—is decisive if we wish to find an answer to the question of where we are when we think. Recollection, which in thinking becomes remembrance, has played so prominent a role as a mental faculty in the history of thinking about thinking, because it guarantees us that nearness and remoteness, as they are given in sense perception, are actually susceptible of such an inversion.

Heidegger has expressed himself only occasionally, by suggestion, and for the most part negatively, about the “abode” where he feels at home, the residence of thinking—as when he says that thinking’s questioning is not “part of everyday life…it gratifies no urgent or prevailing need. The questioning itself is ‘out of order.’ ” (An Introduction to Metaphysics, Anchor Books, 1961, pp. 10-11). But this nearness-remoteness relation and its inversion in thinking pervades Heidegger’s whole work, like a key to which everything is attuned. Presence and absence, concealing and revealing, nearness and remoteness—their interlinkage and the connections prevailing among them—have next to nothing to do with the truism that there could not be presence unless absence were experienced, nearness without remoteness, discovery without concealment.

Seen from the perspective of thinking’s abode, “withdrawal of Being” or “oblivion of Being” reigns in the ordinary world which surrounds the thinker’s residence, the “familiar realms…of everyday life,” i.e., the loss of that with which thinking—which by nature clings to the absent—is concerned. Annulment of this “withdrawal,” on the other side, is always paid for by a withdrawal from the world of human affairs, and this remoteness is never more manifest than when thinking ponders exactly these affairs, training them into its own sequestered stillness. Thus, Aristotle, with the great example of Plato still vividly in view, has already strongly advised philosophers against dreaming of the philosopher-king who would rule ta ton anthropon pragmata, the realm of human affairs.

“The faculty of wondering,” at least occasionally, “at the simple” is presumably inherent in all humans, and the thinkers well-known to us from the past and in the present should then be distinguished by having developed out of this wonder the capacity to think and to unfold the trains of thought that were in each case suitable to them. However, the faculty of “taking up this wondering as one’s permanent abode” is a different matter. This is extraordinarily rare, and we find it documented with some degree of certainty only in Plato, who expressed himself more than once and most drastically in the Theaetetus (173d to 176) on the dangers of such a residence.

There too, he tells, apparently for the first time, the story of Thales and the Thracian peasant girl, who, watching the “wise man” glance upward in order to observe the stars only to fall into the well, laughed that someone who wants to know the sky should be so ignorant of what lies at his feet. Thales, if we are to trust Aristotle, was very much offended—the more so as his fellow citizens used to scoff at his poverty—and he proved by a large speculation in oil presses that it was an easy matter for “wise men” to get rich if they were to set their hearts on it (Politics, 1259a ff.). And since books, as everyone knows, are not written by peasant girls, the laughing Thracian child had still to submit to Hegel’s saying about her that she had no sense at all for higher things.

Plato who, in the Republic, wanted not only to put an end to poetry but also to forbid laughter, at least to the class of guardians, feared the laughter of his fellow citizens more than the hostility of those holding opinions opposed to the philosopher’s claim to absolute truth. Perhaps it was Plato himself who knew how likely it is that the thinker’s residence, seen from the outside, will look like the Aristophanic Cloud-cuckoo-land. At any rate, he was aware of the philosopher’s predicament: if he wants to carry his thoughts to market, he is likely to become the public laughingstock; and this, among other things, may have induced him, at an advanced age, to set out for Sicily three times in order to set the tyrant of Syracuse right by teaching him mathematics as the indispensable introduction to philosophy and hence to the art of ruling as a philosopher king.

He didn’t notice that this fantastic undertaking, if seen from the peasant girl’s perspective, looks considerably more comical than Thales’s mishap. And to a certain extent he was right in not noticing; for, so far as I know, no student of philosophy has ever dared to laugh, and no writer who has described this episode has even smiled. Men have obviously not yet discovered what laughter is good for—perhaps because their thinkers, who have always been ill-disposed toward laughter, have let them down in this respect, even though a few of them have racked their brains over the question of what makes us laugh.

Now we all know that Heidegger, too, once succumbed to the temptation to change his “residence” and to get involved in the world of human affairs. As to the world, he was served somewhat worse than Plato, because the tyrant and his victims were not located beyond the sea, but in his own country.3 As to Heidegger himself, I believe that the matter stands differently. He was still young enough to learn from the shock of the collision, which after ten short hectic months thirty-seven years ago drove him back to his residence, and to settle in his thinking what he had experienced.

What emerged from this was his discovery of the will as “the will to will” and hence as the “will to power.” In modern times and above all in the modern age, much has been written about the will, but despite Kant, despite even Nietzsche, not very much has been found out about its nature. However that may be, no one before Heidegger saw how much this nature stands opposed to thinking and affects it destructively. To thinking there belongs “Gelassenheit“—serenity, composure, release, a state of relaxation, in brief, a disposition that “lets be.” Seen from the standpoint of the will the thinker must say, only apparently in paradox, “I will non-willing”; for only “by way of this,” only when we “wean ourselves from will,” can we “release ourselves into the sought-for nature of the thinking that is not a willing” (Gelassenheit, p. 32f.; cf. Discourse on Thinking, pp. 59-60).

We who wish to honor the thinkers, even if our own residence lies in the midst of the world, can hardly help finding it striking and perhaps exasperating that Plato and Heidegger, when they entered into human affairs, turned to tyrants and Führers. This should be imputed not just to the circumstances of the times and even less to preformed character, but rather to what the French call a déformation professionelle. For the attraction to the tyrannical can be demonstrated theoretically in many of the great thinkers (Kant is the great exception). And if this tendency is not demonstrable in what they did, that is only because very few of them were prepared to go beyond “the faculty of wondering at the simple” and to “accept this wondering as their abode.”

With these few it does not finally matter where the storms of their century may have driven them. For the wind that blows through Heidegger’s thinking—like that which still sweeps toward us after thousands of years from the work of Plato—does not spring from the century he happens to live in. It comes from the primeval, and what it leaves behind is something perfect, something which, like everything perfect (in Rilke’s words), falls back to where it came from.

Il vento che soffia attraverso il pensiero di Heidegger è il nazismo secondo Emmanuel Faye e la sua derivazione storica è la filosofia  di Platone come chiarisce molto bene  Hannah Arendt.   La celebrazione degli ottantanni  del filosofo nel 1969 si colloca all’apice dell’ evoluzione  di un rapporto che era ripreso nel 1950 quando Hannah e Martin si sono reincontrati  a Friburgo dopo più di ventanni dalla loro separazione nel 1928. In quell’occasione Heidegger dichiara che la donna è stata l’unico amore della sua vita: tanto bastò perchè ella intraprendesse l’opera di restauro dell’immagine del vecchio amante e maestro  che culminò con la dichiarazione che egli era il re  segreto della filosofia avendo detronizzato nel  suo cuore nientemeno che Kant. Naturalmente nei confronti del re filosofo, come nella Repubblica di Platone, è proibito la risata,  o meglio  di lui non si riesce a ridere  <<  Gli uomini-scrive Hannah-non hanno ovviamente scoperto il vero significato ed obiettivo della risata forse perché i pensatori -che sono sempre stati mal disposti verso il ridere-non li hanno aiutati sotto questo profilo, anche se alcuni   fra loro si sono spremute le meningi sulla questione di cos’è che ci fa ridere>>

A questo punto per me è diventato  molto difficile trattenere un sorriso  pensando a tutta la storia, quasi incredibile, di Adolf Heichmann,  del “Hanswurst” e dell'”Arlecchino e del re filosofo.

Le risate di Hannah Arendt


Hannah_Arendt_Martin_Heidegger

domenico fargnoli

L’articolo di  Reinhard Dinkelmeyer  sul film di Margarethe Von Trotta  che racconta Hannah Arendt come anche quello di Livia Profeti “L’enigma di Hannah”  su Left di questa settimana suggeriscono un’ulteriore ricerca. Paul e Peter  MatusseK  in un loro saggio la cui traduzione è comparsa nella rivista “Il sogno della farfalla” avevano avanzato l’ipotesi che Martin Heidegger fosse affetto da una forma di schizofrenia. Gli studiosi hanno analizzato la personalità del filosofo  sulla scorta delle  tre categorie binswangeriane : manierismo, esaltazione fissata, stramberia trovando nella biografia del tedesco tracce di ciascuna di esse.

eich

Adolf Eichmann

E’ noto il ricovero nella clinica di Von  Gebsattel cui fu sottoposto  Heidegger dopo il tracollo psicologico cui andò incontro quando fu sottoposto a giudizio dopo la fine della guerra. La Arendt sicuramente giocò un ruolo fondamentale nel minimizzare le responsabilità politiche ed ideologiche del suo amante,  come anche Sartre  con il suo “L’essere ed il nulla” (1943) e la “gauche” francese, compreso  Jacques Lacan. Se esiste un profilo psicopatologico di Martin sarebbe possibile tracciarlo anche per Hannah data la complicità esistente fra i due? Si potrebbe mettere l’illustre studiosa “sul lettino” come acutamente suggerisce Reinhard Dinkelmeyer? Minimizzando la responsabilità di Eichmann di fatto la Arendt, con la sua “banalità del male”  giustificava se stessa e la sua relazione con il “Maestro”  che si è protratta lungo tutto l’arco della sua vita. L’accusa di passività  rivolto verso le vittime dell’olocausto potrebbe essere considerata pertanto un’autoaccusa. Va precisato che la  sua  è stata una complicità con una forma di malattia mentale la quale  data l’ apparente asintomaticità o paucisintomaticità,   fino a poco tempo fa , fino alle scoperte di Massimo Fagioli  sull'”assenza di pensiero” e la pulsione di annullamento, non era possibile diagnosticare. La psichiatria con Ludwig Binswanger e  Wolfang Blankenburg ( cui oggi fanno riferimento gli psicopatologi italiani come Arnaldo Ballerini) )  ma anche con Ferdinando Barison, per non dire Cargnello e Callieri, Franco Basaglia ( per l’intermediazione  di Sartre), indagava la psicosi aiutandosi con gli strumenti ermeneutici dell’esistenzialismo  elaborati da un soggetto schizofrenico. Come dire mettere un cieco a studiare  la luce  e la rifrazione ottica e poi fare proprie le sue tesi: sia la destra e la sinistra sono rimaste  mortalmente contaminate, sia pure con una fenomenologia diversa, dalla pulsione di annullamento non avendo risolto l’enigma della malattia mentale, non avendo  individuato il suo nucleo generatore.

In un’intervista rilasciata dalla Arendt poco dopo la pubblicazione  del suo libro su Heichmann  c’è un passaggio estremamente interessante ( minuto 49.27)

La filosofa dice di essersi  convinta che  Eichmann era “fool” (  parola che io tradurrei con pazzo). La sua   reazione, di fronte alla pazzia del tedesco è stata   caratterizzata da un riso irrefrenabile e rumoroso , ad alta voce, ripetutosi un numero incalcolabile di volte di fronte alla 3600 pagine delle testimonianze del criminale nazista. Tali  risate potrebbero apparire  anch’esse, però,  strane  e paradossali non riconducibili nell’ambito di un’ironia che vorrebbe essere una presa di distanza come sembra suggerire la filosofa, un tentativo di ridicolizzare quelli che l’opinione pubblica considera “grandi criminali” ma che in realtà sono uomini insignificanti che hanno commesso grandi crimini. Il riso di Hannah potrebbero contenere anch’esso, nella sua assurdità, un  germe di pazzia per il terrore e l’impotenza, l’incapacità di comprendere  da cui potrebbe derivare . Personalmente  non riesco a ridere di fronte alla morte, le stragi, figuriamoci di fronte all’olocausto. Concordo però sul fatto che i criminali, autori di delitti efferati, sono insignificanti, gusci vuoti che cercano di dare, senza riuscirci, un senso all’esistenza  perpetrando  le peggiori atrocità. Ciò non ci deve far dimenticare però che esistono pazzi-criminali intelligenti apparentemente “geniali” come Martin Heidegger.  L’intelligenza qui va intesa come capacità di sviluppare ragionamenti complessi e di mettere in atto raffinate strategie di mistificazione ed occultamento. E’ della  filosofia  del suo maestro, del suo linguaggio manierato adatto a nascondere le vere intenzioni, che Hannah Arendt avrebbe dovuto essere capace di ridere e  ironizzare  invece di prendere entrambi, come ha fatto, tremendamente sul serio fino al punto , più o meno consapevolmente, di diventarne complice. Personaggi assolutamente banali come Heichmann hanno agito e messo in pratica con zelo burocratico, le idee di “grandi filosofi” come  Heidegger che hanno  forgiato la mentalità nazista di una miriade di esecutori materiali delle persecuzioni razziali. I nazisti “intelligenti ”  sono però sopravvissuti ingannando tutti, come ha fatto non solo Heidegger ma  anche l’architetto  Albert Speer, del quale recentemente è stata scoperta l’incredibile capacità mimetica e criminale,  ed hanno evitato la pena di morte e guadagnato sulla pelle di centinaia di migliaia di morti per non dire milioni, redigendo memorie false del loro passato nazista. L’architetto amico di Hitler

albert speer

albert speer

si era creato intorno , come il filosofo dell’esistenzialismo, una cortina di fascino ed ambiguità diventando una sorta di tedesco ideale nascondendo la sua pesante complicità con l’antisemitismo e lo sterminio degli ebrei. Banalizzando Eichmann e proteggendo ed esaltando Heidegger, senza coglierne “l’assenza di pensiero”,  Hannah Arendt era in buona fede o la sua è stata  un’abilissima operazione di occultamento e mistificazione ?

 

Il Nazismo ed i crimini contro l’umanità-domenico fargnoli -1996.

Intervento al convegno Nazismo e psichiatria organizzato dal rettorato dell’università di Siena in occasione dei 50 anni del processo di Norimberga. Interviene anche Alice  Ricciardi Von Platen, collega maestra ed amica che aveva partecipato al processo di Norimberga come consulente di parte americana insieme al famoso psicoanalista  Alexander Mitscherlisch autore  di “Verso una società senza padri” (1963). Alice scrisse nel 1948 ” Die Totung Geisteskranker in Deutschland” sullo sterminio dei malati di mente, considerato un classico nel suo genere

alice ricciardi von platen

alice ricciardi von platen

processo di norimberga 1946

processo di norimberga 1946

il nazismo ed i crimini contro l’umanità (4)

Il colore del gatto e la depressione

20130623-000559.jpg

 

 

gatti-neri-gatti-bianchi Il colore del  gatto e la depressione

domenico fargnoli

Deng Xiaoping riassumeva l’idea del Socialismo cinese  nel famoso detto “Non importa se il gatto sia nero o bianco, purché acchiappi i topi” Ciò che contano sono I risultati.

La psichiatria contemporanea tenta anch’essa  di seguire la strada del pragmatismo . Non importano le costruzioni teoriche, le diagnosi, il rispetto della metodologia medica: ciò che contano sono i risultati. Per cui ben venga se uno sta meglio con la meditazione trascendentale se un’atro si cura la depressione con le tisane e se un’altro ancora fa affidamento sugli psicofarmaci e ritiene che a lui facciano bene. Quello descritto è l’atteggiameno cosidetto post psichiatrico o post moderno. Non esistono verità assolute o concetti universali dal momento che di fronte all “disturbo mentale” ( secondo l’ambigua formula dei vari DSM) ciascuno si arrangia come può. Il giornale “Il fatto quotidiano” in data Lunedì 13 Gennaio 2014 sembra aver sposato, come fanno alcuni psichiatri, la  filosofia politico-economica  dei cinesi . In ben quattro pagine di servizio è stata  intervistata, sul tema della depressione,  una psicoanaiista junghiana un monaco benedettino , il solito Vittorino Andreoli ed è stata riportata l’esperienza di una scrittrice che sarebbe guarita spontaneamente. Tutto ed il contrario di tutto.  Ma gli psicoanalisti junghiani non erano quelli che facevano I tarocchi ai pazienti od in alternativa l'”I-ChIng”? Non erano quelli che si ispiravano ad un profeta-maestro che andò incontro ad un vera e propria psicosi con tanto di allucinazioni fra una seduta e l’altra, con tanto di pistola sotto il cuscino pronta in caso di improvviso impulso suicida? Jung camicia bruna, Jung poligamico convinto , Jung maestro della new-age…Jung psicoguru.

Quanto a Vittorino  Andreoli egli è insuperabile suggeritore di banalità assolute.Domanda: come si cura la depressione? Risposta : integrando la psicoterapia con l’uso degli psicofarmaci e della sociologia. Grazie tante: la psicoterapia agirebbe sul cervello plastico esattamente come lo psicofarmaco. Naturamente non è assolutamente vero perchè le sostanze psicotropre sono solo palliativi dall’effetto spesso imprevedibile data la diversità delle risposte individuali. Ancora più difficile mi rimane comprendere in cosa possa consistere l’integrazione di psicofarmaci con la sociologia per non dire che il termine psicoterapia è talmente generico che non significa praticamente nulla. Tant’è che il benedettino intervistato dalla giornalista  è legittimato a   dichiarare << Alla chiesa non interessa valutare la depressione>>  Ma subito  dopo << Tra le cause della depressione (…) la mancanza di radici e di fede che invece sono importanti>>  Viva la coerenza. Come dire  che tutti gli atei sarebbero depressi. La scrittrice Caterina Bonvicini poi suggerisce che l’uscita dalla depressione è un mistero, una sorta di miracolo che non si sa come avvenga anche se poi  la donna dice di essere andata incontro ad “un gioia furiosa” quando sarebbe guarita innamorandosi  in  modo maniacale, di un uomo. Auguri.images2

Ciò che è tragico è che si utilizzano quattro pagine di un giornale  per suggerire, più o meno apertamente  che non esiste la cura della malattia mentale: si va ben oltre la questione del gatto bianco o nero perchè, dichiarazioni e discorsi a parte, nessuno degli intervistati  sembra riuscire a prenderre topi: i gatti dormono mentre i topi ballano.abballata i  rimedi suggeriti, in assenza di una metodologia e di una teoria che rispondano ad un minimo di criterio di scientificità, sembrano davvero peggio del “male”. O come come è più corretto dire della “malattia”.

Il sogno della farfalla n.1.2014

Ultimo numero

copertina

anno XXIII, n. 1, gennaio 2014

Considerazioni sui sensi di colpa in seguito a un’interruzione volontaria di gravidanza
Annelore Homberg, Anna Pompili

Schizofrenia, imputabilità e infermità mentale
Domenico Fargnoli

Un caso di 118
Eva Gebhardt, Paolo Fiori Nastro

Un’elaborazione storica difficile: la psichiatria tedesca nel nazionalsocialismo. Introduzione all’intervento di F. Schneider
Annelore Homberg

La psichiatria nel nazionalsocialismo: memoria e responsabilità
Frank Schneider

Memoria, fantasia e creazione artistica in Diderot
Clara Pistolesi

Recensioni, note e commenti

Morris N. Eagle, Da Freud alla psicoanalisi contemporanea. Critica e integrazione
(Francesco S. Calabresi)

Paul Sérieux, Joseph Capgras, Le follie lucide. Il delirio di interpretazione
(Alessio Giampà)

Due convegni
(Luca Giorgini, Annelore Homberg, Dori Montanaro, Francesca Padrevecchi, Roberta Pompei, Sandra Santomauro)

Uno sguardo alla letteratura internazionale
(Claudia Dario, Alice Masillo, Elena Monducci, Eva Gebhardt, Luca Giorgini, Valentino Righetti, Paolo Fiori Nastro)

Punti di vista diversi sulla pericolosità del malato di mente

  • Schermata 04-2456406 alle 13.02.56Franco-Basaglia-storia-manicomiI basagliani sono negazionisti:sostengono che la pericolosità del malato di mente non esiste o perlomeno che non ci sia  una correlazione certa fra violenza e pazzia.  Vittorino Andreoli pensa  il contrario perlomeno limitatamente a determinate patologie: ma in base a quale concezione della malattia mentale ed a quali criteri diagnostici? E’ vero che ciascuno di noi, come mi sembra abbia sostenuto lo psichiatra veronese , può trasformarsi in un assassino in  circostanze favorevoli ? Andreoli afferma  che la libertà di scegliere non esiste seguendo Freud . Ma il padre della psicoanalisi scrisse  anche che siamo tutti  potenzialmente criminali e che si delinque per un senso di colpa inconscio (l’Edipo) presente in tutti gli esseri umani. Inoltre nell’inconscio di ciascuno per la psicoanalisi come per il cristianesimo, sarebbe attivo l’istinto di morte, inteso come sadismo ed aggressività originaria. Siamo tutti figli di Caino. Esiste pertanto una sostanziale convergenza fra l’antropologia freudiana, cui aderisce Andreoli, e l’antropologia criminale di Cesare  Lombroso che prevedeva il “delinquente nato” da confinare nei manicomi giudiziari. Per Lombroso la delinquenza e’un fenomeno regressivo che riattiva una aggressività atavica presente in tutti. Nella folla per es. il normale regredisce e diventa un potenziale assassino, come scrisse Scipio Sighele ne “La folla delinquente” (1891).  Il “delinquente nato” sarebbe tale , per gli esponenti della scuola positivistica italiana,  per un difetto di sviluppo o per anomalie anatomo funzionali   che impediscono alla morale ed alla ragione di porre un freno ad una violenza che affonda le sue radici nella filogenesi, come diceva anche Freud, cioè nel passato remoto dell’umanità. E’ chiaro che la pericolosità del malato di mente non può essere legata a fattori costituzionali  e ad alterazioni neuroanatomiche. Essa è un fenomeno reattivo a determinate situazioni di rapporto interumano.  Pertanto può essere prevenuta e risolta nella stragrande maggioranza dei casi con opportune strategie terapeutiche  e con interventi adeguati.  Storicamente i cosiddetti “sani” hanno esercitato forme di violenza efferata nei confronti dei malati mentali. La violenza fisica unita al contenimento ed alla segregazione  era ritenuta l’unica possibilità di  “terapia” della pazzia: il trattamento morale come risultato di una mentalità razionale  e  religiosa.  E’ altresì vero che i malati non sono stati e non sono tuttora  solo vittime: in certe patologie  come la schizofrenia paranoide (Anders Breivik era uno schizofrenico e non un terrorista come ha sostenuto Peppe Dell’Acqua ), l’impatto con l’ambiente può innescare condotte che sfociano molto frequentemente  nell’omicidio o nella strage. Indipendentemente dalla  rilevanza numerica di tali episodi ,  la valutazione della quale dipende dai criteri diagnostici adottati, le sopraddette  patologie non possono essere ignorate. In un mio prossimo articolo dal titolo “Schizofrenia,imputabilità ed infermità mentale  che uscirà nel prossimo numero di gennaio de “Il sogno della farfalla” (l’Asino d’oro) propongo una riflessione sul nesso fra malattia mentale ed acting out criminale oltre ad un approfondimento dei criteri diagnostici della schizofrenia. La teoria, l’indagine psicopatologica è importante.<<(…)la pericolosità sociale.scrive Peppe  Dell’Acqua ne “Forum di salute mentale “- non merita neanche di essere criticata. È una chimera, un qualcosa che si presume, ma che di fatto  manca. E la presenza della malattia mentale o di un suo disturbo surrogato non può affiancare quella persona alla pericolosità pubblica più di quanto non ne potrebbe essere affiancato ognuno di noi>>
  • .Esiste i la pericolosità sociale degli psichiatri che  negano la malattia mentale, negano che  di essa si possano  indagare i processi ed i  meccanismi. Non si potrebbe  andare oltre la fenomenologia. Oltre l’apparenza dei sintomi  rimane l’idea di una noxa sconosciuta come sostenevano i grandi psicopatologi del passato.”Non so cosa sia la follia. Tutto forse niente” diceva Basaglia”  Si ritiene pertanto che si possano liberare i malati dal manicomio (anche criminale) ma non dalla pazzia  che viene confusa con la follia. . Ciò che si crede di sapere  è che  la malattia mentale sia  parte ineliminabile dell’essere umano.

domenico fargnoli

  • Istantanea schermo-1
    La pericolosità delle psichiatrie di ritorno: risposta ad Andreoli

    29 dicembre 2013

    magrittedi Silvia D’Autilia e Peppe Dell’Acqua.

    “È la politica. È l’Italia”. Con queste affermazioni si chiude l’intervista rilasciata da Vittorino Andreoli a La Stampa del 21 Dicembre scorso, a proposito dei permessi d’uscita dal carcere a detenuti come Bartolomeo Gagliano.

    Dopo il bombordamento mediatico immediatamente seguito, questa intervista è arrivata come a suggello dell’allarmismo sociale generato verso “pazzi pericolosi” che vengono fatti uscire dal carcere.

    “Quella parola lì, ‘pericolosità’, è stata cancellata dal nostro vocabolario sociale”, dichiara Andreoli a premessa delle sue opinioni. Le cose, insomma, non vanno più come nel glorioso 1904, quando la legge del Regno d’Italia sui manicomi, “ispirata da Cesare Lombroso”, equiparava il malato di mente a colui che è pericoloso per sé e per gli altri e oggetto di pubblico scandalo.

    Come a dire, gli anni d’oro sono finiti se nella Legge 180, “la parola pericolosità non è mai nominata”. E ancora: “la legge Basaglia dimentica che in alcune patologie psichiatriche uno dei sintomi principali è proprio la pericolosità”.

    Cosa bisogna leggere in queste parole? L’auspicio di un ritorno alle origini, agli insegnamenti di Cesare Lombroso che sapeva guardare le persone, come oggi ancora molti psichiatri continuano a fare, per scovare cosa c’è dentro il cervello, per registrare e catalogare gli indizi del soggetto pericoloso?

    Ma non si erano superati quei pregiudiziali e infondati saperi che facevano della semplice osservazione del “matto”, ictu ocoli, lo strumento di condanna a immutabili destini? Forse dobbiamo concludere che no, non si erano superati. Non si sono superati. Ma continuano. Ritornano con apparizioni più o meno durature. Con un oblio più o meno importante della filosofia che la 180 ha promulgato e non perché Basaglia fosse il detrattore numero uno della ‘pericolosità sociale’, ma perché semplicemente la pericolosità sociale non merita neanche di essere criticata. È una chimera, un qualcosa che si presume, ma che di fatto  manca. E la presenza della malattia mentale o di un suo disturbo surrogato non può affiancare quella persona alla pericolosità pubblica più di quanto non ne potrebbe essere affiancato ognuno di noi.

    Dice Piero Cipriano nel suo libro “La fabbrica della cura mentale”, a sostegno di tempi e pratiche che invece non possono essere dimenticate: rispetto alla malattia mentale “l’unico dato certo è la sua fenomenologia”. Non c’è altro. Si sa che c’è. Punto. Non si conosce né la causa scatenante, né il decorso.

    E non basta dire che il problema, il nocciolo duro della questione è il fatto che le carceri italiane sono “ambienti osceni”, che “non rieducano nessuno”. La rieducazione, tanto desiderata e auspicata, come potrebbe mai trovare avvio in un sistema che innanzi tutto non metta tra parentesi la cartella clinica di questi soggetti e non sospenda il giudizio sulla presupposizione della loro pericolosità?

    La finalità dell’istituzione carceraria, da Beccaria a noi, è la reintegrazione che la rieducazione dovrebbe produrre in modo consequenziale. Eppure quale miraggio di reintegrazione possiamo figurarci per queste persone, in un Paese che s’indigna se gli addetti ai lavori non riconoscono per tempo la potenziale pericolosità sociale, ma non considerano minimamente che la prima mossa rieducativa è proprio quella di mettere da parte quest’inferenza vuota e illogica per cui malato di mente o autore di reato siano archetipi rigidamente connessi al concetto di pericolosità sociale?

    Il vero problema allora è sempre uno: la barriera. Sociale e culturale. Tra chi è sano e chi non lo è. Tra chi è buono e chi è pericoloso. Come se per questi fratelli scomodi la massima forma di presa-in-cura sia una perizia che decida del loro ruolo nel mondo. Del loro destino. Della loro condanna.

    Proprio come si sta scongiurando accada anche a proposito degli OPG: non serve cambiare nome a queste strutture o ridimensionarle, come lo stesso Andreoli riferisce di aver proposto al Dipartimento di Amministrazione Penitenziaria, se non ci si prefigge come banale atto di giustizia la restituzione di responsabilità e la pienezza del diritto prima di ogni altra cosa.

    Ma è la politica. È l’Italia.

  • Forum di salute mentale 

Trilogia

29 dicembre 2013

di Giorgio Bignami.

Dopo Cancrini e Fagioli mancava all’appello soltanto Vittorino Andreoli. Nell’intervista su La Stampa del 21/12/2013 (vedi l’articolo), di Michele Brambilla, Andreoli lamenta il fatto che i direttori di carcere propongono permessi a go go per sfoltire le celle; i periti non approfondiscono anche perché pagati troppo poco; secondo lui sulla pericolosità il perito dopo approfondita indagine “deve dare il parere positivo solo quando è assolutamente certo” [il che, mi pare, tradotto in italiano significa mai, o quasi]; quindi i magistrati di sorveglianza procedono alla cieca; e per chiudere, la ciliegina sulla torta degli OPG: il Dap non ha voluto ascoltare la mia proposta di istituire OPG regionali da 50 posti.

Non mi meravigliano affatto queste esternazioni di Andreoli, ma è un bel danno che senza alcun commento negativo appaiano su La Stampa nella doppia pagina dedicata all’arresto degli evasi e alla punizione del direttore del carcere di Genova.

Di nuovo auguri malgré tout.


  • Corriere della Sera >
  • Archivio >
  • La libertà è un’ illusione Ecco come Freud lo scoprì

  • Corriere della Sera
  • BIBLIOTECA DELLA MENTE

La libertà è un’ illusione Ecco come Freud lo scoprì

I meccanismi con cui l’ inconscio guasta i nostri progetti La responsabilità Il codice penale lega la responsabilità alla «capacità di intendere e/o di volere» Ha ancora senso?

Psicopatologia della vita quotidiana di Freud viene pubblicato nel 1901, un anno dopo L’ interpretazione dei sogni con cui si fa nascere la psicoanalisi. Pur avendo avuto aggiunte fino al 1924, è dunque una delle opere di base nella costruzione del pensiero e della tecnica psicoanalitica. Nonostante l’ «età» sono molti i punti utili alla modernità, e ciò che mi pare ancora rivoluzionario è quanto Freud ci dice sulla libertà. Come si pone il legame tra questa aspirazione e l’ inconscio? Rimane, nonostante le diverse modulazioni, la certezza di una parte inconscia dentro l’ Io, una componente della struttura di personalità di cui non abbiamo consapevolezza e che tuttavia agisce e condiziona il nostro comportamento. Se dunque è possibile scegliere un’ azione e fortemente volerla, ciò non impedisce all’ inconscio di entrare nei nostri progetti e desideri fino a renderne impossibile la realizzazione oppure a compierli in un modo diverso da come avremmo voluto: il divario tra essere e voler essere. Pertanto la libertà come possibilità di scelte qualsiasi è illusoria. E sul piano pratico si scontra sempre con limiti e blocchi che noi stessi inconsciamente poniamo alla realizzazione di quelle scelte. Verrebbe da dire che la libertà rimane un’ idealizzazione rispetto a condizioni esistenziali che invece ci tengono dentro un percorso che non è mai scelto, ma almeno in parte imposto. E la libertà rimane un’ illusione. Freud non elabora queste considerazioni sulla base di una teoria, di un sapere dunque astratto, ma le svela attraverso le piccole cose, quei fatti che riempiono la quotidianità: gli atti mancati, gli automatismi comportamentali, i lapsus, le amnesie. Sono certo di aver chiuso la porta, ma la controllo ancora tre volte. L’ inconscio insomma si intromette silenziosamente e misteriosamente per impedire di compiere gesti o azioni che potrebbero riportare ad esperienze traumatiche e dunque dolorose, oppure al contrario inserisce la propria forza e conduce ad azioni che sostituiscono quelle programmate. Forze che si legano ad una memoria inconsapevole che dunque agisce senza giungere alla coscienza. Il tema della libertà non ha ancora tenuto in debito conto questa dimensione del nostro Io e noi fingiamo di pensare ad un uomo libero che capisce e vuole e dunque sceglie razionalmente un comportamento (intelligere) e vi applica la volontà per realizzarlo. Un assunto assurdo alla luce della Psicopatologia della vita quotidiana che è però ancora stampato nel codice penale: si afferma che la responsabilità si lega alla «capacità di intendere e/o di volere». Ed è questo il quesito che il giudice chiede al perito psichiatra per poter decidere e stabilire la pena. Insomma dominano il capire e il volere. E l’ inconscio? Come si fa a parlare di libertà e di responsabilità, ignorandolo? Non è certo mia intenzione togliere la responsabilità nell’ agire, ma soltanto sostenere (come Freud 110 anni fa) che non si può capire e giudicare un’ azione e dunque un uomo senza considerare questa dimensione dell’ Io che alberga in ciascuno di noi. RIPRODUZIONE RISERVATA

Andreoli Vittorino

Pagina 35
(13 maggio 2011) – Corriere della Sera